BioBanca

BioBanca

Biobanca “Bruno Boerci” presso il Laboratorio di Oncologia Sperimentale della IRCCS Fondazione S. Maugeri di Pavia
Nel dicembre 2009  la Fondazione Bruno Boerci ha promosso la nascita della Biobanca Bruno Boerci presso i Laboratori di ricerca de IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri, Pavia. Da allora la Fondazione Bruno Boerci continua a sostenere la Biobanca e i progetti di ricerca ad essa collegati all'interno de IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri

Che cosa è la Biobanca?
Le biobanche sono unità di servizio finalizzate alla raccolta, alla conservazione, allo stoccaggio e alla distribuzione di materiale biologico umano a scopo di ricerca. La ricerca, specie quella oncologica, dipende dalla disponibilità di materiale biologico di elevate qualità donato dai pazienti, che permetta la realizzazione di studi che correlino i dati biologici con i risultati clinici, focalizzando in particolare sulle conoscenze generate dalla medicina molecolare e dagli studi sul genoma umano.

Perché nasce la Biobanca?
Il legame che si stabilisce tra pazienti/donatori e la biobanca è un patto di reciproco rispetto alla base di una sorta di solidarietà con le generazioni a noi contemporanee e quelle future. Questo patto di solidarietà a vantaggio della salute pubblica è salvaguardato da norme legali, etiche e sociali precise, a cui la Biobanca si attiene scrupolosamente attraverso un proprio Comitato Tecnico-Scientifico e un Comitato Etico Indipendente.

Perché la Biobanca “Bruno Boerci” presso la Fondazione Salvatore Maugeri di Pavia?
Pavia da sempre rappresenta un centro di eccellenza per la ricerca e la cura  nel campo della bio-medica. La necessità di dare vita ad una Biobanca di tessuti per sostenere la ricerca era una necessità sentita nella comunità scientifica. Grazie al contributo della Fondazione Bruno Boerci ha trovato un'occasione di realizzazione presso la Fondazione Salvatore Maugeri. L'alleanza tra pazienti e ricercatori per sconfiggere un male comune, che si realizza in chi dona parte di sé (materiale biologico) perché dei ricercatori possano conoscere e sperimentare nuove cure è lo spirito che informa tutta l'azione della Fondazione Bruno Boerci in ragione dei valori di solidarietà e di mutuo soccorso fra gli uomini.

Cosa ha fatto la Biobanca Bruno Boerci?
Dalla data di inaugurazione, oltre 3000 campioni di tessuti biologici (Tessuto, Sangue, Cellule, DNA) sono stati collezionati, stoccati e caratterizzati presso la Biobanca Bruno Boerci. Tali campioni provengono da oltre 700 pazienti che liberamente hanno deciso di donare alla Biobanca parte del materiale biologico eccedente la diagnosi. La Biobanca Bruno Boerci si coordina in rete con le altre Biobanche di tessuti a livello italiano ed europeo. Sette progetti scientifici, attivati presso la Fondazione Salvatore Maugeri, sono sostenuti e garantiti dall'attività della Biobanca Bruno Boerci. Nel corso dell'anno 2010 sono stati assegnati due finanziamenti governativi, coinvolgenti l'attività della Biobanca Bruno Boerci, nel contesto di progetti di ricerca condivisi con Università e Centri di Ricerca nazionali e internazionali. I risultati preliminari di queste ricerche hanno trovato dignità di pubblicazione in riviste e congressi scientifici.

Cosa intende fare la Biobanca Bruno Boerci nel prossimo futuro?
La Biobanca Bruno
Boerci si propone come preziosa ed insostituibile fonte di materiale biologico, offerto ai ricercatori, per approfondire le conoscenze cliniche e biologiche delle patologie e per offrire occasione di sviluppo medico, orientando gli sforzi verso una terapia sempre più personalizzata.

Situazione Attuale
Nella Biobanca Istituzionale Oncologica “Bruno Boerci” sono stati ad oggi stoccati i campioni biologici di pazienti affetti da differenti tipologie di tumore (70% tumore della Mammella, 26% tumore del Colon-Polmone-Rene-Tiroide, 4% Mesotelioma Pleurico Maligno) e per i quali è ben documentata la storia clinica ed il follow-up.

Attualmente il totale delle aliquote di tessuto conservate derivanti da pazienti della Senologia è di oltre 3800, oltre 1700 le aliquote di sangue intero ed oltre 800 le aliquote di plasma, provenienti complessivamente da 895 pazienti.

Per quanto riguarda i campioni della Chirurgia Mininvasiva sono oltre 2000 le aliquote di tessuto, oltre 600 le aliquote di sangue intero ed oltre 300 le aliquote di plasma, provenienti complessivamente da 333 pazienti.

Sono inoltre conservati 34 casi di pazienti affetti da mesotelioma pleurico maligno provenienti da strutture ospedaliere esterne.


 






Leggi il comunicato stampa in .pdf redatto dalla Fondazione Maugeri.
Leggi 
anche l'articolo di HC Magazine sulla fondazione della Biobanca "Bruno Boerci".

DONA ONLINE
close
Fondazione Bruno Boerci e la gestione dei dati personali

Fondazione Bruno Boerci si impegna a proteggere la privacy dei propri utenti e a tutelare i dati personali raccolti nel rispetto del "Codice in materia di protezione dei dati personali" (D.Lgs. 196/03).
L'informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196 per gli utenti che consultano e interagiscono questo sito e usufruiscono dei servizi forniti dalla fondazione.
L'informativa è resa solo per il sito www.fondazionebrunoboerci.org e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Finalità del trattamento

Fondazione Bruno Boerci tratta i dati personali raccolti esclusivamente al fine di svolgere le normali attività della fondazione e cioè diffondere la conoscenza su cura e prevenzione dei tumori, le attività di studio e di ricerca oncologica, nonché i risultati e il progresso della ricerca e promuovere la raccolta di fondi da destinare alla Ricerca Oncologica.

Modalità del trattamento

Dati forniti volontariamente dall'utente
Il trattamento dei dati per le suddette finalità avrà luogo con modalità sia automatizzate che non automatizzate e nel rispetto delle regole di riservatezza e di sicurezza previste dalla legge. La raccolta delle informazioni avviene attraverso i form presenti nel sito, e verranno utilizzati per gestire le donazioni effettuate dagli interessati, invio di comunicazioni cartacee ai soci ed invio della newsletter della fondazione. I dati saranno trattati solo dagli incaricati e dai Responsabili del trattamento nominati da Fondazione Bruno Boerci in qualità di Titolare del trattamento.

Dati di navigazione
Alcuni dati personali sono raccolti in modo implicito con l'uso dei protocolli di comunicazione di Internet durante la normale navigazione in questo sito.
Appartengono a questa categoria gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer usati dagli utenti per collegarsi a www.fondazionebrunoboerci.org, il metodo usato per sottoporre le richieste al server, e altri parametri relativi al sistema operativo e al sistema informatico dell'utente.
Questi dati sono utilizzati in modo anonimo e solo per fini statistici in relazione all'utilizzo del sito.

Cookies
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.
L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

Invio materiale informativo ai Soci e Invio Newsletter
I dati raccolti attraverso il sito verranno utilizzati per la gestione del rapporto informativo con i soci attraverso l'invio cartaceo di comunicazioni e l'invio di newsletter informative inerenti l'attività della Fondazione e la promozione delle iniziative.

Conferimento dei dati e Consenso dell'interessato

A parte quanto visto per i dati di navigazione, il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto non comporta alcuna conseguenza, tranne l'impossibilità di associarsi o di contribuire con donazioni alla ricerca promossa da Fondazione Bruno Boerci o ricevere materiale informativo.
Nella raccolta dei dati per l'invio della newsletter e l'effettuazione della donazione on-line viene espressamente richiesto il consenso per l'invio della newsletter e l'effettuazione dei trattamenti ad essi legati sopra descritti. Il consenso è necessario per effettuare la donazione on-line e l'iscrizione. In modo agevole e semplice in forza del disposto dell'art. 130, comma 4 del Codice, ci si potrà opporre all'invio della newsletter. La donazione potrà essere comunque effettuata, senza il conseguente invio della newsletter, attraverso i bollettini cartacei.

Titolare del trattamento

Il titolare del trattamento è Fondazione Bruno Boerci Onlus, con sede operativa in C.so Giuseppe Mazzini 13, 27100 Pavia.

Diritti dell'interessato

L'interessato cui si riferiscono i dati personali ha il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, la rettificazione oppure la cancellazione secondo quanto riportato nell'art. 7 D.lgs n. 196/03, riportato sotto interamente per comodità, scrivendo direttamente al Titolare del trattamento. In modo agevole e semplice in forza del disposto dell'art. 130, comma 4 del Codice, ci si potrà opporre in ogni momento all'invio della newsletter.

Art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali e altri diritti)

1) L'interessato cui si riferiscono i dati personali ha il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, la rettificazione oppure la cancellazione secondo quanto riportato nell'art. 7 D.lgs n. 196/03, riportato sotto interamente per comodità, scrivendo direttamente al Titolare del trattamento. In modo agevole e semplice in forza del disposto dell'art. 130, comma 4 del Codice, ci si potrà opporre in ogni momento all'invio della newsletter.
2) L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3) L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4) L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.